Home Bandi Supporto e gestione dei beni confiscati, due nuovi avvisi in Regione Campania

Supporto e gestione dei beni confiscati, due nuovi avvisi in Regione Campania

135
SHARE

Sono due gli avvisi pubblici che la Regione Campania ha pubblicato in questi giorni inerenti la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Il primo è diretto ai Comuni della Regione, il secondo agli enti che già gestiscono un bene.

Si riportano di seguito le specifiche e le scadenze di ogni avviso.

  1. Avviso pubblico a favore dei Comuni per il finanziamento di progetti di riutilizzo di beni confiscati e azioni per le start up 

E’ stato pubblicato sul BURC n. 43 del 29/07/2019 il decreto dirigenziale n. 38 del 29/07/2019 che in attuazione del Programma annuale degli interventi per la valorizzazione dei beni confiscati di cui all’art. 3-bis della L.R. 16 aprile 2012 n. 7 e ss.mm.ii., approva l’avviso pubblico denominato Legge Regionale del 16 aprile 2012, n. 7 e ss.mm.ii. Avviso pubblico a favore dei Comuni per il finanziamento di progetti di riutilizzo di beni confiscati e azioni per le start up di innovazione sociale ed economia sociale” per un ammontare di €1.500.000,00.

L’Avviso pubblico promuove la sperimentazione della co-progettazione tra amministrazioni comunali e soggetti del terzo settore per la valorizzazione dei beni confiscati.

È rivolto ai seguenti soggetti proponenti:

– Comuni della Regione Campania, al cui patrimonio indisponibile sono stati trasferiti beni immobili confiscati alla criminalità organizzata, da utilizzare ai sensi dell’art. 48 comma 3 lettera c) e d) del D. Lgs 159/2011;

– Consorzi di Comuni, di cui all’art. 31 del D. Lgs 267/2000 e ss.mm.ii, a cui sono stati assegnati/ trasferiti beni immobili confiscati alla criminalità organizzata, da utilizzare ai sensi dell’art. 48 comma 3 lettera c) e d) del D. Lgs. 159/2011.

Il soggetto proponente, per partecipare all’Avviso, deve selezionare mediante procedura di evidenza pubblica, preliminarmente alla presentazione della candidatura alla Regione Campania, un soggetto gestore (cooperative sociali o associazioni di promozione sociale) a cui concedere un proprio bene confiscato per almeno 15 anni e con il quale co-progettare un intervento di ristrutturazione del bene confiscato e un’azione di start up di innovazione sociale ed economia sociale.

Il contributo massimo per ciascuna proposta progettuale è di € 150.000,00, di cui:

  • max € 100.000,00 per gli interventi di ristrutturazione da realizzarsi da parte del Comune o Consorzio di Comuni sul bene confiscato;
  • max € 50.000,00 per supportare i progetti di start up proposti dai soggetti gestori selezionati dai Comuni o da loro Consorzi.

Le candidature devono pervenire entro e non oltre il 31 ottobre 2019.

Per informazioni e/o chiarimenti, gli interessati possono inviare quesiti fino al 20 ottobre p.v. tramite e-mail all’indirizzo PEC beniconfiscati@pec.regione.campania.it.

Scarica la documentazione 

  1. Avviso Pubblico “Sostegno alle Imprese Sociali che gestiscono beni confiscati alla criminalità organizzata”

È stato pubblicato, invece, sul BURC n. 41 del 22/07/2019, l’Avviso Pubblico “Supporto alla gestione dei beni confiscati”, a valere sul POR Campania FSE 2014/2020, Asse II Inclusione Sociale, Obiettivo Specifico 11 per un ammontare di € 3.613.000,00.

Con tale Avviso la Regione Campania intende finanziare progetti di avvio, sviluppo e/o consolidamento dell’imprenditorialità sociale all’interno di beni confiscati alla criminalità organizzata, che siano finalizzati alla valorizzazione dei beni confiscati e ad accrescere la competitività dell’impresa e che contribuiscano, in coerenza con la destinazione sociale dei beni stessi, allo sviluppo socio-economico del territorio in cui sono realizzati e alla diffusione della cultura della legalità, rappresentando un’occasione di riappropriazione del bene da parte della comunità di riferimento, sia da un punto di vista simbolico, che in termini di produzione di beni e/o servizi utili alla collettività. Possono partecipare le imprese sociali, le cooperative sociali e i loro Consorzi e le associazioni di promozione sociale.

L’ avviso prevede la concessione di un contributo «de minimis» nella misura del 100% delle spese ammissibili:

  • fino all’importo massimo di € 80.000,00 per gli interventi candidati in forma singola;
  • fino all’importo massimo di € 150.000,00 per gli interventi candidati in forma associata.

l’importo complessivo degli aiuti “de minimis” non può superare il limite massimo di  €200.000,00 (o di €100.000,00 nel caso imprese operanti nel settore del trasporto merci su strada per conto terzi), nell’arco di 3 esercizi finanziari.

Ciascun progetto, a pena di esclusione, deve avere una durata massima di 18 mesi a partire dalla sottoscrizione dell’atto di concessione, salvo concessione di proroga da parte della Regione. 

Le proposte progettuali devono essere presentate esclusivamente a mezzo PEC all’indirizzo beniconfiscati@pec.regione.campania.ite pervenire entro e non oltre le ore 24:00 del 15 ottobre 2019. Le proposte pervenute oltre il termine saranno inammissibili. 

L’ Avviso, comprensivo degli allegati, oltre che sul B.U.R.C., è reperibile sui siti istituzionali della Regione Campania, agli indirizzi:

Scarica La documentazione